ORGANISMO

La Negoziazione Paritetica è definita così perché è rappresentativa di entrambe le parti in disaccordo, sia il fornitore che l’associazione dei consumatori scelta dal cliente che abbia aderito alla procedura. Questo organismo di Risoluzione Alternativa delle Controversie (Alternative Dispute Resolution o ADR) è iscritto nell'elenco presso l’AEEGSI nel rispetto della normativa.

Vi partecipano Servizio Elettrico Nazionale ed Enel Energia insieme alle Associazioni del Consumatori del Consiglio Nazionale dei Consumatori ed Utenti (CNCU), istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico e presieduto dal Ministro o da un suo delegato, che hanno aderito alla procedura.

L’organismo di negoziazione paritetica è anche collegato alla piattaforma web based ODR - On line Dispute Resolution - cui sono iscritte le ADR operanti negli Stati dell’Unione Europea, sviluppata dalla Commissione europea e prevista dal Codice del Consumo, attraverso la quale è possibile risolvere in ambito extragiudiziale le controversie derivanti da contratti di vendita o contratti di servizi online, piattaforma.

Se hai riscontrato un problema con un contratto on line, e risiedi nell’UE, puoi usare questo sito per trovare una soluzione extragiudiziale.

A CHI SI RIVOLGE

Chi ha un contratto di fornitura di energia elettrica o gas, per uso domestico, può servirsi della Negoziazione Paritetica per qualunque controversia che non superi il valore complessivo di 15.000 euro.

 

 

IN QUALI CASI SI PUÒ RICHIEDERE

La Negoziazione Paritetica si può richiedere per tutte le anomalie sulla fornitura tranne nei casi di contratti e attivazioni non richiesti di forniture, attività di esclusiva competenza dei distributori di energia elettrica e/o gas, profili tributari e fiscali o nel caso sia già intervenuta la prescrizione ai sensi di legge.